- 99 -
SEDUTA DELL’8 OTTOBRE 1947


(Presidente: Prof. T. CUIZZA)

Fiorio C. UN CASO DI GLOMERULOSCLEROSI INTERCAPILLARE DIABETICA O SINDROME DI KIMMESTIEL-WILSON.

Riferisco un caso clinico seguito nella Sezione da me diretta, interessante sotto diversi punti di vista, ma sopratutto perchè tipico di una nuova entità nosologica che in questi ultimi tempi va richiamando l’attenzione dei clinici e degli anatomopatologi, per quanto le prime osservazioni risalgano ad una decina di anni fa.
Donna di 63 anni, senza precedenti personali e familiari importanti: nessun caso di diabete noto in famiglia. Sposata, 9 gravidanze di cui 6 a termine e 3 abortive. Diabete mellito scoperto nel 1932 col corteo dei sintomi classici, curato con misure dietetiche e ad intervalli con insulina senza criteri esatti nè successi stabili. Ricoverata nella Sezione in due periodi nel 1941 : entrambe le volte fu fatta diagnosi di diabete pancreatico medio-grave con componente extrainsulare, il carattere pancreatico essendo dimostrato dalla sintomatologia tipica dei periodi di squilibrio, dalla regressione dei sintomi con l’insulina, nonchè dalla curva glicemica da carico; la componente extrainsulare - o insulinoresistente - dalla persistenza di una glicosuria residua non riducibile con l’insulina (uguale tolleranza con 44-66-88 U. di insulina). Allora la pressione omerale era sui 130/90; mai albuminuria. Durante il periodo bellico la cura fu trascurata, con abbandono delle misure dietetiche e irregolarità nella cura insulinica. Rivista ambulatoriamente nell’estate 1946 con glicemia 502 mgr %, forte glicosuria. non chetonuria, prurito vulvace feroce. Ripresa l’insulina a dosi generose, regressione della sintomatologia diabetica e del prurito. Al principio del 1947 inizio di edemi agli arti inferiori, in seguito estesi all’addome e al viso. In tali condizioni viene di nuovo ricoverata il 9-3-1947.
All’ingresso domina il quadro clinico uno stato edematoso, con edemi notevoli agli arti inferiori, al bacino, al viso, al dorso delle mani, agli avambracci, con pallore della cute e delle mucose (G. R. = 3,65 milioni, Hb = 60, V. glob. = 0,83). Non cianosi nè dispnea. Pressione om. 190/85. Glicemia 352 mgr %, Azotemia (N ipobromitico) 65 mgr %, colesterolemia 350 mgr Vo, proteinemia 5,82. ematocrito 46; RW negativa.
Orina: d. 1020, albume 5,5 ‰, glucosio 25 ‰, corpi chetonici assenti; al sedimento aumento modico dei leucociti, qualche globulo rosso, rare cellule renali e cilindri granulosi.
Altri segni obbiettivi degni di rilievo un ingrossamento del cuore a carico specie del segmento sinistro, un modico aumento del volume del fegato.
Decorso del diabete durante la degenza. Regolata la dieta a 180 gr

- 99 -